quali sono i costi bagni in resina

Plugs

Bagni in resina: costi e prezzi, tutto quello che devi sapere!

Quello che molti  non sanno è che la resina è un materiale poliedrico che può essere applicato su tutte le superfici.

Sia che tu abbia un pavimento in parquet o legno, sia che tu debba rivestire una superficie in acciaio o alluminio o semplicemente debba rivestire un vecchio pavimento, la resina è il materiale più adatto alle tue esigenze.

I vantaggi di un pavimento in resina sono diversi, ora non è il caso di fare l’elenco “della spesa” (per quello ti basta visitare il nostro blog e leggere alcuni degli articoli presenti) ma ti basti sapere due cose, la resina non richiede lo smantellamento del pavimento pre-esistente (quindi gli possiamo andare sopra tranquillamente) e sopratutto a lavoro finito raggiunge uno spessore medio oscillante fra i 3 ed i 4 millimetri, di conseguenza ci da il grande vantaggio di non dover alzare o tagliare le porte.

si può applicare la resina sui rivestimenti dei bagni?

Ebbene si, la resina più essere applicata anche sui rivestimenti dei bagni.

Questo comporta un grandissimo vantaggio economico, poiché dover smantellare i rivestimenti di un bagno ha dei costi non indifferenti (se sommassimo la manodopera, lo smaltimento, i costi di trasporto dei calcinacci non spenderesti meno di 25-30€ /mq cui poi devi aggiungere il rifacimento delle pareti).

Ma se devo fare delle tracce al bagno devo smantellare tutti i rivestimenti?

Certo che no!, il consiglio che diamo sempre ai nostri clienti è quello di limitarsi a smantellare solamente le parti di pavimento o rivestimento in cui dovranno passare le nuove condutture e scarichi, tutto il resto non serve che venga smantellato.

Sarà sufficiente chiudere tutto con del cemento a presa rapida e portare tutto alla stessa quota e a quel punto basterà ridare la resina in modo uniforme su tutta la superficie ed al termine del lavoro non si noterà la differenza tra la parte in maioliche e quella in cemento.

Posso rivestire co la resina anche alla doccia e al piatto doccia?

Non ci crederai ma la resina è un materiale completamente impermeabile (attenzione pur essendo impermeabile non va bene per impermeabilizzare i terrazzi in cui si hanno problemi di infiltrazione d’acqua, per quello ti invitiamo a leggere questo articolo) quindi è un materiale adattissimo per essere applicato al posto delle piastrelle di una doccia o per rivestire un piatto doccia o -perchè no- una vasca da bagno.

Spesso e volentieri molti clienti si limitano anche solo a rivestire il piatto doccia, si fanno costruire un piatto in cemento della grandezza e la pendenza che desiderano e poi noi pensiamo a rivestirlo in resina.

perchè i bagni in resina stanno sempre prendendo più piede?

Per prima cosa sono un elemento di design moderno che piace molto agli arredatori e alle coppie che vogliono ringiovanire il loro “leaving”, tuttavia un motivo è che ci si può sbizzarrire con la fantasia e giocare sia con la matericiità del prodotto che con i colori.

Il fatto che poi si elimina completamente il problema delle fughe fra una piastrella e l’altra è una ragione in più per cui molte persone e diversi architetti scelgono questo prodotto.

La resina infatti è uno dei prodotti più igienici presenti sul mercato.

il calcare crea problemi alla resina?

La resina, alla stregua di qualsiasi altra tipologia di pavimentazione, è un materiale inerte che subisce l’aggressione di agenti esterni.

Il calcare è uno dei problemi che assilla tutte le superfici. Nei terrazzi, i pavimenti sono aggrediti dal calcare che si forma a seguito dell’impianto di irrigazione, nelle docce il problema è simile.

Il calcare (specie se vivi a Roma dove l’acqua è particolarmente calcarea) se non viene  rimosso ogni due tre giorni con un pochino d’acido tamponato macchia la superficie e per rimuoverlo poi diventa una faticaccia.

Noi abbiamo due consigli: il primo è quello di scegliere un colore non troppo scuro per la resina del bagno in questo modo sarà meno evidente l’eventuale aggressione del calcare, il secondo consiglio (che probabilmente è anche il più importante) è quello di asciugare con una pezza sia le pareti della doccia che il piatto doccia, in questo modo non c’è alcuna possibilità di formazione del calcare.

In ogni caso, qualora leggessi questo articolo quando ormai la resina del tuo bagno ha cambiato colore per il calcare, usando un buon anti calcare o dell’acido tamponato, risolverai il tuo problema.

A tal proposito ti segnaliamo questo interessante articolo che parla del ph e di che prodotti usare per pulire i vari tipi di pavimento come il marmo.

quali sono i costi bagni in resina?

Eccoci arrivati alla domanda principale di questo post: quanto costa un bagno in resina?

Noi ti possiamo dare dei prezzi indicativi che però ti serviranno per farti un’idea di quanto potresti andare a spendere.

Per prima cosa le dimensioni contano. Più un bagno è piccolo e in proporzione maggiore sarà la spesa che dovrai affrontare.

In linea generale una bagno realizzato con una resina di buona qualità può costare da un minimo di 800€ e può arrivare a costare anche 1500-2000€ (rivestimenti e pavimento).

Ogni caso è un caso a se, quindi la cosa migliore è quella di far fare un sopralluogo ad un tecnico specializzato che quantificare al meglio i costi definitivi per il tuo bagno in resina.

richiesta preventivo

ti è piaciuto questo articolo? condividilo con i tuoi amici.

Forse potrebbe interessarti anche:

chi siamo?

siamo Guido e Sergio. se decidessi di contattarci parlerai direttamente con noi senza passare da intermediari. Se il tuo bagno sarà un successo e ti piacerà sarà merito nostro, se dovessimo deluderti sarà colpa nostra e ne risponderemo personalmente a te. Ma stai tranquillo, non deludiamo mai nessuno! 🙂

ci trovi qui!

Torna su