Pavimento in resina gobetto

# i nostri lavori: resina gobetto, stile classico

dati tecnici lavoro:

  • data: maggio 2018
  • luogo: Roma
  • ral scelto: standard gobetto
  • durata lavoro: circa 10 gg
in questa fase abbiamo fatto saltare le parti di massetto ammalate

Le resine Gobetto sono le resine più scelte dagli architetti!

applicazione planitop che ha reso uniforme il pavimento

prendi un appuntamento al 800971727 e vieni visitare il nostro show-room di Roma

 

Questa volta abbiamo fatto l’impresa! e lo diciamo con orgoglio.

Il Cliente aveva visto una fotografia in un sito internet e aveva deciso che avrebbe voluto “quella resina li!”, purtroppo il sito non riportava nessuna indicazione riguardo al codice colore del prodotto utilizzato.

Non ci siamo arresi ed abbiamo iniziato una ricerca che ci ha portati ad elaborare una serie di campioni con varie colorazioni che “su carta” potevano sembrare la stessa della foto; tuttavia nessuna di queste una volta asciutte si avvicinava al pavimento in resina che aveva scelto il Cliente.

Nonostante gli insuccessi non ci siamo arresi ed abbiamo giocato la carta della “resina Gobetto” e questa volta abbiamo fatto centro. 

 

#Trasformazione in pavimento in resina: la procedura che abbiamo usato

Questo lavoro presentava diverse difficoltà tecniche che prevedevano una preparazione preliminare del sottofondo su cui poi avremmo applicato la resina gobetto.

Era infatti una superficie mista su cui c’erano diverse tracce fatte per far passare cavi e fili elettrici, (tracce che suonavano a vuoto e quindi abbiamo dovuto far saltare e rifare) oltre a piccoli dislivelli e a pavimentazioni in marmittoni.

fase di applicazione della prima mano di resina gobetto

La prima cosa che abbiamo fatto è stato carteggiare il pavimento in modo da rimuovere croste di vernice e quant’altro avrebbe interferito con la creazione del pavimento in resina, poi abbiamo applicato una mano di “primer g” Mapei sul quale abbiamo steso uno strato di Planitop fast 330 (mapei) che ha creato una superficie uniforme ed omogenea sulla quale poi è stato possibile lavorare con l’applicazione della resina gobetto.

Il lavoro di trasformazione di un pavimento in resina si è poi concluso con il rifacimento del pavimento del bagno.

Il ciclo Gobetto prevede che vengano applicate più mani di resina (in questo caso ne abbiamo applicate tre) con spatola. Al termine vengono applicate due mani di trasparente che donerà ulteriore “corpo” e consistenza al pavimento.

Al termine del lavoro abbiamo provveduto a proteggere la superficie con del cartone ed il classico tappetino per parquet flottanti in quanto una parte dei lavori edili non erano terminati ed era quindi indispensabile evitare danneggiamenti al pavimento in resina.

per proteggere il pavimento abbiamo provveduto a coprirlo adeguatamente

vantaggi di un pavimento in resina

  • può essere realizzato su tutte le superfici
  • puoi rivestire anche mobili, pareti e rivestimenti
  • puoi scegliere tu il colore che preferisci fra centinaia di soluzioni RAL o NCS
  • è facile da pulire
  • molto resistente all’usura e al calpestio
  • non ingiallisce col tempo
  • nel caso dovessi fare delle opere edili (es. sostituzioni scarichi o tubazioni) è facilmente ripristinabile
  • si adatta a tutte le situazioni

per preventivi e informazioni contattaci

forse potrebbe interessarti anche:

Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn